Cellulite

I diversi tipi di Cellulite

La cellulite è il termine che in chirurgia riunisce le diverse alterazioni della silhouette femminile: dalle adiposità localizzate, alla tipica deformazione a ” culotte de cheval”.
La cellulite dipende da fattori ereditari, dalla razza, da una predisposizione congenita, da problemi di circolazione venosa e linfatica, da sedentarietà e da abitudini alimentari errate.

Chirurgicamente viene classificata in 5 macrocategorie:

Cellulite Edematosa

Può essere affrontata tramite trattamento estetico, trattamento medico con mesoterapia e trattamento chirurgico, quest ultimo poco efficace per l’eliminazione dell’edema.

Cellulite Fibrosa (Flaccida)

Si combatte con trattamento estetico, trattamento medico mediante mesoterapia e trattamento chirurgico ricorrendo a interventi di  lipoaspirazione.
Nella compagine del tessuto adiposo vi sono tralci fibrosi che devono essere interrotti meccanicamente mediante le cannule.

Cellulite Fibrosclerotica

Si tratta di un tipo di cellulite dura e compatta caratterizzata dalla presenza di macro e micro noduli con grossi tralci fibrosi. Il quadro patologico interessa più aree anatomiche ( fianchi, glutei, cosce).
Nell’affrontare questo tipo di Cellulite, il trattamento estetico può essere solo di supporto, il trattamento medico risulta essere poco efficace, e l’unica soluzione ottimale risulta essere il Trattamento chirurgico mediante lipoaspirazione.

Cellulite Mista

E’ una situazione che può comprendere i casi precedenti in una zona diffusa.

Adiposità localizzata

E’ una situazione che può comprendere tutti i casi precedenti in una zona ben determinata.
Anche in questo caso può essere affrontata tramite Trattamento estetico, Trattamento medico mesoterapico e Trattamento chirurgico mediante lipoaspirazione.

Le superfici affette da cellulite che possono essere trattate sono:

Le culotte de cheval

L’esterno coscia

L’interno coscia e ginocchio

La zona sovrapubica e dell’addome

I fianchi

Le caviglie

Il volto

Trattamento chirurgico tramite lipoaspirazione

Nel passato per ridurre chirurgicamente le masse di adipe si ricorreva a lipectomie, ma gli esiti cicatriziali erano rilevanti e portavano a rilevanti problemi estetici.
A partire dagli anni 80 la chirurgia estetica è stata rivoluzionata con l’introduzione di tecniche di Lipoaspirazione, nello specifico Liposuzione, Liposcultura, Microliposcultura.
Si consiglia di ricorrere a interventi chirurgici, abbinati a un’alimentazione idonea, solo quando i trattamenti estetici e le terapie mediche non portano risultati.

Nello specifico le tecniche chirurgiche prevedono incisioni cutanee di pochi millimetri in zone poco visibili, incisioni posizionate in punti da cui sia facile raggiungere più superfici da trattare.
Si procede introducendo, mediante piccola incisione cutanea, la cannula nel tessuto adiposo e con la tecnica criss-cross viene corretto il difetto. Le cannule hanno diverso calibro e  diverse aperture in sommità.
Si procede successivamente all’asportazione del tessuto adiposo in eccesso, all’ interruzione dei tralci fibrosi e alla scompaginazione dei grossi agglomerati cellulari.
Il risultato viene ottimizzato tramite la retrazione cicatriziale, la compressione mediante guaine e calze compressive ed il trattamento estetico (linfodrenaggio manuale etc).

A seconda dell’entità dell’intervento, si può ricorrere a anestesia locale pura, anestesia locale con sedazione e anestesia generale.
La Tecnica chirurgica viene definita dagli anglosassoni “ Wet” o della tumescenza. Nelle zone sottoposte all’interventi si infiltra una soluzione composta da fisiologica, lidocaina ed adrenalina.

Le tre tipologie di lipoaspirazione sono Liposuzione, Liposcultura e Microliposcultura:

Lipoaspirazione Cellulite: il Post-intervento

Il post-intervento è caratterizzato dalla comparsa di ecchimosi nelle aree trattate, che si riassorbiranno nell’arco di 2 settimane.
Le superfici di presenteranno con edema ingravescente che dovrà essere controllato con terapia medica, terapia estetica e con la compressione tramite l’utilizzo di collant 140 denari o guaine.