Specializzazione

Mastoplastica Additiva associata a Mastopessi

Mastoplastica additiva con sollevamento seno (Mastoplessi)
Anestesia : generale
Degenza : 1,2 notte

Quando visito la paziente alcune volte mi rendo conto che le protesi da sole non sono sufficienti e questo si verifica quando si associa alla riduzione del volume una discesa al di sotto del solco sottomammario del complesso areola capezzolo. A questo punto devo associare il sollevamento del seno asportando pelle ed eventualmente tessuto mammario.
Capisco che partire con l’idea di avere una piccola cicatrice e poi giungere ad averne qualcuna di più per la paziente sia traumatico ma molte volte non c’è soluzione se si vuole ottenere  un risultato duraturo ed esteticamente soddisfcente.

A questo punto dopo l’esame obiettivo devo affrontare quali e quante cicatrici avrà in più la mia paziente; per fortuna esistono diverse tecniche chirurgiche che mi permettono di ridurre l’entità e l’estensione delle stesse  (cicatrici periareolare, periareolare e verticale, a T invertita).
La scelta della protesi ( volume e forma) dipenderà ancora di più dal tessuto mammario residuo; sicuramente il posizionamento che consiglio in questo caso è sottomuscolare al fine di scaricare il peso della protesi sul muscolo e non sulle cicatrici della pelle.
Una volta concordato con la paziente le caratteristiche dell’intervento,le possibili complicanze, le prescrivo gli esami ematici e strumentali ( ecografia/ mammografia, ECG) necessari per essere idonei.

Il mio approccio alla mastoplastica additiva associata a mastopessi (sollevamento seno)

Troverete sempre qualcuno che soddisferà il vostro desiderio : mettiamo due belle protesi sotto ghiandolari e via!! Nessuna cicatrice !!  Bene siete partite con un seno svuotato e sceso e dopo pochi mesi avete un seno ancora più basso ( per il peso delle protesi) e scavato in alto ( per la trazione sui tessuti). Adesso se volete mettere a posto il tutto dovete subire un altro intervento con relative cicatrici.
Anche in questo caso le protesi devono essere proporzionate in base alle caratteristiche della paziente e dei suoi tessuti.
Consiglio poi di seguire la terapia per il trattamento degli esiti cicatriziali( massaggio, fotoprotezione, cerotto in carta, lamina in silicone,etc) che se ben eseguita dà ottimi risultati.

Paziente sottoposta a mastopessi e additiva con protesi ad alto profilo

Mastoplastica additiva protesi rotonde medio profilo associata a mastopessi round block

Mastoplastica additiva sotto muscolrevprotesi rotonde medio profilo

Chiama ora
WhatsApp
Email